Bologna dall’alto

Logo CC

Bologna è una città di torri e dalla cima di queste si gode di viste uniche che spaziano dal centro fino alle colline circostanti. 

Sono tanti altri però i punti panoramici da cui scattare foto, tra parchi e chiese. 

Questo itinerario è dedicato a chi ama le altezze e gli scenari mozzafiato.

  • Durata
    24 ore
  • Interessi
    Arte & Cultura
  • Target
    Amici/Solo,Coppia
  • Prima tappa - Torre Orologio, Palazzo d’Accursio Bologna

    L’itinerario per scoprire Bologna dall’alto parte dalla nuova vista offerta dalla Torre dell'Orologio di Palazzo d’Accursio in Piazza Maggiore. 

    Risalendo l’edificio, sono due le terrazze che si incontrano: una all’altezza della merlatura che affaccia sulla piazza sottostante, l’altra - ancora più panoramica - dalla cima della torre, da cui si gode di una prospettiva unica sulla città e i colli circostanti. 

    Il biglietto d’ingresso, oltre ad essere accompagnato da un’interessante audioguida che racconta la storia dell’edificio, dell’orologio e dei suoi meccanismi, è valido anche per accedere all’adiacente museo delle Collezioni Comunali d’Arte.

  • Seconda tappa - Torre degli Asinelli Bologna

    Il punto d’osservazione più alto su Bologna rimane comunque la Torre degli Asinelli, la maggiore delle due torri di Bologna, con i suoi 97 metri. 

    Salendo i 498 gradini il premio per gli occhi è assicurato: da qui si domina tutta la città e territori limitrofi e la vista vale la fatica di raggiungere la cima. 

    Assicuratevi il biglietto prenotando in anticipo la vostra salita, essendo uno dei monumenti più gettonati di Bologna.

  • Terza tappa - Basilica di San Petronio Bologna

    Rimanendo sempre nel cuore del centro, il potere familiare e politico simboleggiato dalle torri rivaleggia con le altezze di quello religioso. 

    La basilica di San Petronio offre da alcuni anni l’opportunità di salire – niente scale ma con un veloce montacarichi - sulla terrazza panoramica ricavata grazie ai lavori di restauro. Un altro imperdibile scatto dall’alto per la vostra collezione. 

    Ricordate però che la terrazza apre solo nel weekend.

  • Quarta tappa - Chiesa di San Michele in Bosco Bologna

    Se non amate le torri e le terrazze e preferite rimanere coi piedi per terra, per avere un punto di vista privilegiato sulla città rossa recatevi a San Michele in Bosco

    Facilmente raggiungibile a piedi dal centro storico con una piacevole passeggiata attraverso il giardino omonimo, dal piazzale antistante si può godere di uno dei migliori affacci sulla città.

  • Quinta tappa - Basilica di San Luca Bologna

    Sempre fuori dal centro, come non nominare San Luca. Il Santuario e il percorso per arrivarci sono uno dei must per chi è in visita in città. 

    Si parte dall'Arco del Meloncello, raggiungibile a piedi dal centro percorrendo via Saragozza. Questa straordinaria struttura permette di superare la strada e di avere un affaccio imperdibile sul lungo porticato. Il tratto in salita concede affacci e scorci mano a mano che si sale, arco dopo arco. 

    Il percorso termina raggiunto il santuario di San Luca, ricca di opere d'arte ma conosciuta soprattutto perché custodisce da secoli la celebre icona della Madonna col Bambino. 

    La visita – e la vista-  può arricchirsi salendo sulla cupola panoramica (ingresso alla cupola a pagamento).

  • Sesta tappa - parchi cittadini Bologna

    Per gli amanti della natura le colline fuori porta sono il posto perfetto per osservare la città in lontananza. 

    Salite sulle alture del Parco di Villa Spada, magari in estate al tramonto e godetevi il calar della sera con una vista sul centro cittadino. 

    Oppure trascorrete una giornata di primavera organizzandosi per un pic-nic nel parco di Villa Gighi, da dove la città sembra ancor più bella, incorniciata nel verde del parco.

Ultimo aggiornamento 18/05/2022

Per maggiori informazioni

Redazione Bologna

UFFICI INFORMAZIONI

IAT Bologna Welcome
Piazza Maggiore 1/E Bologna (BO)
telefono: + 39 051 6583111 booking@bolognawelcome.it

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio