Carpaneto Piacentino

Logo CC

Lungo la strada che da Piacenza conduce a Castell’Arquato e a poca distanza da Gropparello, si trova il territorio di Carpaneto Piacentino, disteso fra la fertile pianura e le colline ricoperte di vigneti e boschi.


Perché visitarla

Le origini di Carpaneto parrebbero risalire all'epoca romana a costituire, forse, una sorta di collegamento con la vicina Veleia, sede di un importante municipium romano e oggi sito archeologico visitabile.
Nel Medioevo il borgo di Carpaneto fu teatro di scontri tra Guelfi e Ghibellini, nonché possedimento di famiglie importanti, tra le quali gli Anguissola e gli Scotti.

Ancora oggi il territorio di Carpaneto è strettamente legato alla tradizione agricola e vitivinicola, con aziende associate alla Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli Piacentini.


Quando andarci e cosa vedere

Quelli primaverili e autunnali sono i mesi migliori dal punto di vista climatico e naturalistico per ammirare la campagna le colline e i boschi del territorio, fra rigogliose fioriture e colori.

Meritano una visita: il Castello, oggi sede comunale che vanta un ciclo decorativo realizzato dall’artista futurista BOT (Barbieri Osvaldo il Terribile) e la Chiesa parrocchiale dei Santi Fermo e Rustico.


Da non perdere

Un’escursione nel mondo dei fossili: parte del territorio di Carpaneto (vicino a Badagnano e lungo il rio Carbonaro) fa parte della Riserva Naturale Geologica del Piacenziano.


Sulla tavola

Su tutti spiccano la Coppa Piacentina D.O.P. e il Gutturnio D.O.C. ad entrambi sono dedicati feste ed eventi. Un menù tipico non può non proporre anche i classici tortelli, pissarei e anolini della tradizione piacentina.


Per tenersi in forma

Esiste un "percorso verde" circolare tracciato dalle associazioni di marciatori e bikers locali, che parte da Carpaneto e raggiunge le vicine colline ricoperte da vigneti e l’area dei calanchi del Piacenziano.


Appuntamenti di rilievo

La fiera di Primavera ad Aprile
A fine Agosto/inizio settembre la tradizionale Festa della Coppa Piacentina D.O.P. (Carpaneto è al centro della zona di origine del salume tipico piacentino DOP, ricavato dai muscoli cervicali del suino)

Le frazioni propongono ogni anno sagre e feste per animare l’estate.


Nei dintorni

Innumerevoli torri, castelli e ville, di proprietà privata e visibili solo esternamente (Badagnano, Travazzano, Olmeto, Celleri, Torre Confalonieri, Ciriano, Magnano, Rezzano, per citarne alcuni) animano il paesaggio e rendono piacevoli e suggestive escursioni nella pianura o sulle colline e fra i vigneti. 
Nel villaggio rurale di Zena si trova un possente Castello, databile al medioevo e notevolmente trasformata nel corso dei secoli.  Il Castello di Zena è ancora oggi di proprietà privata, sede di eventi e matrimoni e aperto occasionalmente alle visite.

Di grande impatto visivo: la chiesa di Santa Maria Assunta a Travazzano l’eremo di Sant’Espedito nei dintorni di Badagnano.


Uffici informazioni

IAT Grazzano Visconti - Val Nure e Val Chero - Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica
Viale del Castello 2 Vigolzone (PC)
telefono: + 39 0523 870997 iat@valnure.info
Ultimo aggiornamento 06/08/2020

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio