Mesola

Logo CC

L'origine del nome è riconducibile a media insula,un esplicito riferimento alla conformazione dell'antico insediamento.


Quando andarci e cosa vedere

Il borgo si è sviluppato attorno all'elegante e maestosa mole del Castello Estense, voluto da Alfonso II alla fine del '500, al limitare di quella che era un tempo la vasta tenuta di caccia, ora riserva naturale del Gran Bosco della Mesola in cui vive protetto il Cervo delle Dune.

Fino al X secolo quello che oggi è l'abitato di Mesola era ancora occupato dal mare e, solo dopo il progressivo avanzare della linea di costa, si formò una lingua di terra sulla quale si alternarono differenti proprietari. Alla fine del XV secolo la Casa d'Este acquistò questa terra per trasformarla in riserva di caccia e costruire una delizia fuori città, grande centro che contrastasse la potenza commerciale e militare di Venezia. Questo ambizioso progetto di pianificazione economica si interruppe con la fine della Signoria degli Estensi a Ferrara; poi i territori passarono sotto il controllo della Casa d'Austria, dello Stato della Chiesa e della Francia. All'inizio del Novecento vennero poi realizzate le grandi opere di risanamento dei terreni soggetti alle acque, noti come Bonifiche.

Mesola è oggi un punto di riferimento per scoprire la natura del Parco del Delta del Po. Il suo Castello è sede del Museo del Bosco e del Cervo della Mesola, dove è illustrata, attraverso documenti cartografici, l’evoluzione del territorio mesolano, nonché le sue caratteristiche più salienti, tra cui il Gran Bosco della Mesola ed il Cervo delle Dune, che qui vive protetto.


Da non perdere

Oltre allo splendido Castello, è assolutamente da vedere la Riserva Naturale del Gran Bosco della Mesola che, con una superficie di 1.058 ettari, rappresenta uno degli ultimi e meglio conservati residui di bosco di pianura, memoria delle antiche foreste che si trovavano fino a qualche secolo fa lungo la costa adriatica. E’ oggi la più estesa area boscata del ferrarese a cui si può accedere a piedi o in bicicletta. I percorsi autorizzati consentono di avvistare cervi e daini.

Da vedere anche Torre Abate, la testimonianza più significativa dello sforzo profuso nella difesa idraulica del territorio ed è legata alla storia delle bonifiche ferraresi intraprese dalla signoria Estense nel XVI secolo.


Appuntamenti di rilievo

Ogni anno a fine aprile, si svolge a Mesola la Fiera dell'asparago verde del Delta, intorno allo splendido Castello Estense. E alla fine di ottobre la tradizionale rassegna “Sapori d’autunno”, presenta le prelibatezze gastronomiche dei sapori autunnali tra i quali il tartufo bianco di pineta. Nella località di Bosco Mesola, a fine settembre, si organizza la Sagra del Radicchio.


Nei dintorni

Da Mesola transita il percorso cicloturistico della Destra Po, lo straordinario itinerario che accompagna il grande fiume negli ultimi chilometri della sua ricerca del mare.

Ultimo aggiornamento 24/09/2020

Uffici informazioni

Ufficio Informazioni Turistiche - Mesola
Piazzetta S. Spirito Mesola (FE)
telephone: + 39 0533 993358 iat@comune.mesola.fe.it

Potrebbe interessarti...

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2019 - 2020 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio