Riolunato

Logo CC

Il piccolo paesino funge da spartiacque verso i paesi del modenese che già risentono dell’influsso della Toscana. Il suo dialetto, infatti, e molte delle sue tradizioni fanno riferimento a questo versante dell’Appennino. Dominato a sud dal crinale sul quale emerge la vetta del monte Cimone, il suo territorio spazia da un’altitudine che va dai 620 ai 2165 m slm ed è completato dalle località di Castello, Groppo, Serpiano, Castellino di Brocco, Le Polle.


Quando andarci e cosa vedere

La storia, le tradizioni, i monumenti e il paesaggio di questo piccolo paesino di impianto tardo medievale concorrono tutti alle sue peculiarità fondamentali.

Anticamente, il centro principale era Castello, dove pare abitasse spesso il celebre e famigerato Obizzo da Montegarullo, condottiero e uomo d’armi del ‘400. Riolunato prese definitivamente il sopravvento nel XVI secolo e divenne sede comunale nel 1544.

A cavallo fra il 1786 ed il 1787, il paese corse il rischio di scomparire a causa di una disastrosa slavina che, scendendo nel Torrente Scoltenna dal versante di Groppo, formò una gigantesca diga, che per poco non provocò l’erosione del terreno sul quale sorge.

Nel borgo merita una visita la Chiesa Parrocchiale dedicata a S. Giacomo Maggiore. Al suo interno conserva un prezioso crocefisso dello scultore contemporaneo Iorio Vivarelli. Appena sotto la chiesa, si può ammirare Casa Ferrari, esempio mirabile di casa medievale, con un suggestivo voltone che porta nella piccola Piazza del Trebbo. Una chicca tanto minuscola, quanto interessante.

Gli impianti e le attrezzature sportive disponibili permettono di praticare sia sport estivi come il tennis, il calcio, il calcetto, la MTB, che sport invernali grazie al comprensorio sciistico del monte Cimone, di cui Riolunato fa parte, che offre il più grande carosello sciistico dell'Appennino tosco-emiliano, con 50 km di piste tutte collegate tra loro, accessibili con un unico skipass elettronico e servite da impianti moderni e veloci.

Tradizionale inoltre per la zona è la pesca, favorita da un ciclico ripopolamento in tutte le acque del luogo. Oltre la pesca qui è possibile compiere interessanti escursioni e camminate ecologiche guidate sia verso il Cimone che verso altre zone del territorio comunale. Il corso del vicino torrente Scoltenna è praticabile in canoa nei mesi primaverili.


Da non perdere

Il Parco della Vallona è uno degli spazi verdi più belli e suggestivi di Riolunato. E’ dotato di svariati giochi per bambini, panche e tavoli per pic-nic. In questa oasi di verde, famiglie con bambini e persone anziane hanno l’opportunità di trascorrere al fresco il loro tempo libero.


Sulla tavola

Per chi vuole riscoprire gli antichi sapori la Sagra della Ricotta è un appuntamento imperdibile. Dedicata ai prodotti della pastorizia, la manifestazione si svolge la seconda domenica di ottobre. È questa un’occasione per gustare i piatti tipici del luogo a base di ricotta fresca e per vedere come i pastori lavorano il latte, ottengono la prima ricotta e il formaggio.


Appuntamenti di rilievo

Tra le manifestazioni più belle e sentite si annoverano il Maggio delle Ragazze e il Maggio lirico sacro delle Anime Purganti quando le vie e le piazze risuonano di componimenti, in parte tramandati, in parte rinnovati annualmente, che descrivono le pene dei defunti muovendo negli ascoltatori il sentimento di “pietas” per raccogliere offerte a suffragio dei morti. Di solito cade la prima domenica del mese (a Riolunato e a Castello). Il “Maggio delle Ragazze”, rappresentato invece ogni tre anni (la notte tra il 30 aprile e il 1 maggio e la seconda domenica del mese), appartiene alla più antica e spontanea tradizione popolare diffusa in gran parte dell’Europa e dell’Asia.


Informazioni e consigli utili

Dal centro del paese, seguendo le indicazioni per Castello si raggiungono le piste da sci in località Le Polle di Riolunato (13 km).

Gli impianti di risalita del Cimone sono aperti generalmente dai primi giorni di dicembre fino alla fine di marzo. In questo periodo gomme da neve (termiche) o catene a bordo sono obbligatorie per salire verso le piste. All'arrivo un ampio parcheggio è a disposizione gratuitamente anche per la sosta notturna dei camper.


Nei dintorni

Il lago delle Polle (12 km) si trova a 1300 mt di altezza alle pendici del Cimone. Immerso nel verde ed alimentato dall’omonima sorgente, è un’incantevole sosta e punto di partenza per passeggiate, escursioni e gite in MTB. Molto conosciuto per la pratica della pesca sportiva è amato dalle famiglie grazie alla presenza di un’area pic-nic.

Nelle immediate vicinanze si trovano un camping attrezzato per caravan, un’area di sosta per i camper, ristoranti, bar e un residence. Le Polle dunque non è soltanto una rinomata stazione sciistica ma anche un’oasi di relax e divertimento per la stagione estiva.

Ultimo aggiornamento 09/01/2020

Per maggiori informazioni

Redazione Appennino Modenese

Potrebbe interessarti...