La pianura ravennate sud-orientale

In collaborazione con Touring Club

L’itinerario circolare, con capolinea a Ravenna, si svolge sulla statale 67, Tosco Romagnola, su un breve tronco della 71, Umbro Casentinese Romagnola, e su parte della viabilità provinciale, con ritorno lungo la statale 16, Adriatica; attraversa un’a­rea dove predomina una ricca economia agricola, all’avanguardia nella frutticol­tura. Peculiare fu l’organizzazione del territorio, operata nei secoli VI-VIII dagli esarchi, in pievi, che fino al X-XI svolsero la funzione di centri di organizzazione politica, religiosa e fiscale. Molte sussistono ancora oggi, pur avendo spesso mantenuto di originale solo la denominazione, e, insieme alle ville suburbane, costituiscono il carattere distintivo della visita.
  • Lunghezza
    62,4 km
  • Colonna dei Francesi Ravenna (RA)

    Sull’argine del fiume Ronco, pilastro marmoreo con rilievi e iscrizioni metriche fatto erigere da Pier Donato Cesi (1557) a ricordo della battaglia di Ra­venna dell’11 aprile 1512, nella quale soldati francesi guidati da Luigi XII ebbero il sopravvento sulle truppe della Lega santa.

  • Pieve di Longana Ravenna (RA)

    Dedicata a S. Apollinare, risa­lente al secolo XI ma rimaneggiata nel XIV al pari del campanile; conserva una tavola (Ss. Apollinare, Sebastiano e Rocco) di Baldassarre Car­rari il Giovane (1513).

  • S. Pietro in Trento Ravenna (RA)

    Chiesa di S. Pietro in Trento (dal numerale latino gromatico trentula), citata nel 978, più volte restaurata. L’interno, dalla singolare struttura a tre navate asimmetriche, con­serva un fronte d’altare del VI secolo e alcuni brani di affreschi dei secoli XV e XVI; la cripta è probabilmente più tarda di un secolo.

  • Palazzo Grossi Ravenna (RA)

    Venne eretto nel 1560­-65 sull’impianto di un castello documentato dal secolo XII: è a pianta quadrata con torri, beccatelli ed eleganti fumaioli cilindrici coronati da cupolette.

  • Pieve di S. Stefano Cervia (RA)

    Ricordata nel 977 e riedificata nel 1521 ricalcando la pianta originaria. All’interno, l’abside è decorata da affreschi del secolo XVI molto ridipinti.

  • Santuario della Madonna del Pino Cervia (RA)

    Ai margini nord-est della salina di Cervia – e lungo la statale Adriatica – il santuario della Madonna del Pino fu edificato nel secolo XV e si presenta con una semplice facciata adorna di fregi in cotto; sul fianco sinistro, un bel portale in sasso d’Istria, donato nel 1557 dalla comunità di Cervia. All’interno, con resti di affreschi quattrocenteschi, xilografia raffigurante la Madonna del Pino, più tarda dell’originale del XV secolo andato perduto, e un sarcofago che regge l’altare (VI secolo) in trachite dei colli Euganei.

  • S. Severo Ravenna (RA)

    Nella parte antica di Savio, agglomerato di forma allun­gata, diviso in due nuclei dal fiume omonimo, la parrocchiale di S. Severo conserva nell’abside una bella Vergine col Bambino, i Ss. Apollinare e Severo e il Beato Guido Strambiati, di Andrea Barbiani.

Ultimo aggiornamento 11/11/2022
SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio