Galileo Chini. Ceramiche tra liberty e déco

Mostra in programma al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza

Logo CC
  • Luogo
    Faenza
  • Eventi
    Mostre ed Arte
  • Interessi
    Arte & Cultura

A Faenza, città della ceramica, arriva la mostra espone circa trecento pezzi tra ceramiche (tra cui diversi inediti) e disegni preparatori a documentare le varie fasi di attività di uno dei più importanti protagonisti italiani dell’epoca Liberty.

Chini, artista poliedrico e versatile fu tra i pionieri del Liberty in Italia,  ma anche affinatore del gusto déco sviluppatosi nel ventennio. Egli si dedicò con passione all’arte della ceramica, con una varia e molteplice produzione originale e personalissima, ma anche alla pittura e all’affresco.

La sua esperienza si lega anche all’architettura: celebre l’intervento alle Terme Berzieri di Salsomaggiore (1923) uno dei più interessanti esempi di edifici eclettici déco. Per la manifattura Chini si trattò di un lavoro colossale, tanto che per far fronte a questo impegno, si dovettero ampliare i forni.

Della bottega Chini è da annoverare anche l’allestimento ceramico delle Terme di Castrocaro.

Da segnalare inoltre che l'artista decorò i locali deputati alle arti dell’Esposizione Torricelliana di Faenza nel 1908.  

Da qui prese avvio la fondazione del MIC ed un cospicuo nucleo di opere venne donato da lui stesso alla città di Faenza. Purtroppo queste andarono perse durante la seconda Guerra mondiale, ma molte altre furono donate negli anni a venire.

Chini lavorò anche per il teatro: tra i suoi lavori più noti, vi sono le scenografie della prima Turandot eseguita nel 1926 da Arturo Toscanini.

L’opera ceramica di Chini viene raccontata attraverso un ricco percorso ceramico. La mostra comprende di cinque sezioni, con approfondimenti scenografici per ricreare l’ambiente storico e culturale in cui l’artista operò.

Sono coinvolte altre realtà importanti che conservano architetture realizzate dalla Bottega Chini come Salsomaggiore, Castrocaro, Borgo San Lorenzo, Montecatini Terme, in un progetto di rete volto a valorizzare il lavoro complesso e articolato di questo straordinario artefice. L’idea è di suggerire una mappa dei percorsi “chiniani” che possa favorire flussi turistico-culturali.


Dettagli

Luogo
  • Viale Baccarini, 19 - Faenza (Faenza)
26 novembre 2022 - 14 maggio 2023
Tutti i giorni tranne il lunedì
Vedi sito web
Contatti
+ 39 0546 69 73 11
info@micfaenza.org
Calendario

Uffici informazioni

IAT Faenza
Voltone delle Molinella, 2 - Faenza (RA)
+ 39 0546 25231 + 39 0546 25231 info@prolocofaenza.it Apertura: annuale
Faenza MIC
Viale Alfredo Baccarini, 19 - Faenza (RA)
+ 39 0546 697311 info@micfaenza.org fondazione.mic@pec.it Apertura: annuale

Ultimo aggiornamento 22/11/2022

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio