La tavola di Pasqua in Emilia Romagna

I piatti della tradizione pasquale emiliano-romagnola

Logo CC

I primi tepori della primavera annunciano l’arrivo della Pasqua e del suo tradizionale pranzo. In Emilia Romagna la festa si celebra a dovere con un menù tradizionale saporito e vario, che non può fare a meno della classica accoppiata di lasagne e agnello. I dolci portano poi in tavola una ventata di semplicità, tipica della cucina contadina.

I primi piatti

Preparate ormai tutto l’anno e non soltanto durante le festività come si usava una volta, le lasagne si presentano comunque puntuali all’appuntamento pasquale. La ricetta più celebre è quella bolognese, che sovrappone uno strato di pasta sfoglia agli spinaci a uno di ragù e besciamella, creando così una soffice struttura che si scioglie in bocca ad ogni morso.

Tra i primi meno conosciuti per il pranzo di Pasqua c’è invece la tardura, un’antica minestra in brodo romagnola semplice e veloce da fare. Si tratta di un mix di uova, parmigiano, pangrattato e noce moscata cotta nel brodo di carne.

L’agnello e il coniglio

Per i secondi la scelta ricade spesso sul re delle tavole pasquali, l’agnello. In Romagna l’agnello è accompagnato con piselli e pancetta, oppure con i finocchi nella versione stufata al finocchio, o ancora con l’aceto balsamico nel fegato di agnello all’aceto.

Anche il coniglio è considerato tipico del menù pasquale in Emilia Romagna: in passato infatti era più facile reperirlo rispetto all’agnello. Due grandi classici preparati con questo tipo di carne sono il coniglio alla cacciatora e coniglio in porchetta.

La pagnotta pasquale e la panina

Infine i dolci pasquali, espressione della cucina povera emiliano-romagnola. Nell’entroterra romagnolo la mattina di Pasqua l’usanza voleva che si servisse la pagnotta pasquale, un dolce a base di pasta di pane, accompagnato con le uova sode benedette e qualche fetta di salame nostrano.

La ricetta della panina pasquale è invece più ricca e fresca. Preparata sull’Appennino, questo dolce contiene fra l’altro liquore all’anice e cognac, buccia d’arancia e limone a pezzetti.

Immancabile, infine, è la classica ciambella.

Ultimo aggiornamento 30/03/2020