Imola

Logo CC

Situata sulle rive del fiume Santerno, là dove l’Appennino Tosco-Romagnolo incontra la Pianura Padana, Imola gode di una posizione privilegiata, a 30 km da Bologna e a 60 km dalle assolate spiagge della Riviera Romagnola.


Perché visitarla

Conosciuta in tutto il mondo per il suo storico autodromo, Imola è il luogo ideale per trascorrere alcuni giorni tra cultura e sport senza trascurare qualche sosta dedicata al palato.

Gli eleganti palazzi nobiliari e la Rocca Sforzesca sono solo alcuni dei gioielli del centro storico, interamente visitabile a piedi, mentre la suggestiva cornice dell’Appennino e le strutture sportive di alto livello, rendono la città adatta anche agli amanti della natura e dello sport.


Quando andarci e cosa vedere

La città di Imola è perfetta per una visita in qualunque periodo dell’anno, grazie ad un clima mite ed alla invidiabile posizione geografica.

La Rocca Sforzesca di origine duecentesca è indubbiamente l’edificio che risalta maggiormente nel panorama cittadino imolese. Il complesso, internamente visitabile, ospita una rara collezione di armi antiche ed un prestigioso allestimento di ceramiche medievali. Dai suggestivi camminamenti inoltre è possibile ammirare il territorio imolese a 360°, dalla pianura all’Appennino.

Tra gli innumerevoli palazzi nobiliari disseminati nel centro storico, molti dei quali accessibili al pubblico, spicca per gli splendidi arredi e il perfetto stato di conservazione il Palazzo Tozzoni. Particolarmente suggestive sono le cantine della dimora che ospitano una ricca collezione di grande interesse storico di strumenti e attrezzi della civiltà contadina locale.

Immerso nel verde dei suoi giardini, il Museo di San Domenico, situato nel chiostro dell’ex convento dei Santi Nicolò e Domenico, accanto all’omonima chiesa, ospita la Pinacoteca Civica e il Museo “Giuseppe Scarabelli”-Sezione Archeologica. La quadreria della pinacoteca annovera dipinti importanti di varie epoche e scuole tra i quali spiccano opere di Innocenzo da Imola, Bartolomeo Cesi, Guttuso e De Pisis.

Alle pendici della collina sorge invece il tracciato che ha reso Imola celebre in tutto il mondo. L'Autodromo Enzo e Dino Ferrari, costruito nei primi anni ’50, ancora oggi ospita eventi sportivi di rilevanza internazionale ed è una tappa obbligata per tutti coloro che vogliono comprendere appieno la natura della città di Imola.


Da non perdere

La Farmacia dell’Ospedale, un edificio inaugurato nel 1794 e rimasto in gran parte intatto nelle suppellettili e nelle decorazioni, restituisce al visitatore l’immagine affascinante di una farmacia settecentesca, arricchita nelle decorazioni dall’ampio soffitto a volta affrescato e dai 457 vasi d’epoca in maiolica esposti su mobili di legno intagliato.


Sulla tavola

Sulla tavola imolese, dalla cucina dove l'arzdora "tira" ancora la pasta a mano, arrivano i garganelli, gli strozzapreti e i tortelloni ripieni di ricotta ed erbette.

Dominano tra i secondi le carni arrosto e alla griglia, come fiorentina e castrato. Non manca poi la piadina romagnola, da abbinare coi formaggi molli e gli ottimi salumi.

In fatto di vini la scelta è ricca: tra i rossi il Sangiovese DOC e fra i bianchi l’Albana DOCG. La località è posta lungo la Strada dei Vini e Sapori Colli d’Imola.


Per tenersi in forma

Per gli amanti del cicloturismo la Vallata del Santerno, del Sillaro e la Val Sellustra offrono scorci paesaggistici di notevole bellezza.

A 15 Km di distanza, si trovano le Terme di Castel San Pietro ed il Golf Club “Le Fonti", un bellissimo campo da golf a 18 buche, nell’affascinante Valle del Sillaro.


Appuntamenti di rilievo

Imola in Musica, in giugno, propone eventi culturali e performance di artisti lungo le strade del centro storico.

A settembre, la città conferma poi la sua vocazione di Terra dei Motori con il CRAME, la mostra scambio di auto, moto e bici d’epoca, e la Superbike, il campionato mondiale per moto derivate di serie, entrambe all’autodromo Enzo e Dini Ferrari.

In novembre, il Baccanale propone invece mostre, spettacoli teatrali, convegni, mercati e degustazioni in tutta la città.


Nei dintorni

A 15 km di distanza, a Borgo Tossignano, il Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola ospita una spettacolare muraglia naturale dall'aspetto quasi lunare, ricca di grotte, cunicoli e suggestivi camminamenti. La catena di gesso selenitico lunga una quindicina di chilometri sovrasta regalmente la Vallata del Santerno offrendo paesaggi mozzafiato.

A Tossignano vi è inoltre il Centro Visite "La Casa del Fiume" che conserva esemplari di gessi e calcari ed ospita il museo della cultura materiale. Offre anche la possibilità di condurre laboratori didattici sulla natura e l’ambiente.

Ultimo aggiornamento 13/07/2020

Uffici informazioni

IAT Informazione Accoglienza Turistica Imola
Via Emilia, 135 Imola (BO)
email telephone: + 39 0542 602 207

Potrebbe interessarti...

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2019 - 2020 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio