San Martino in Rio

Logo CC

Il comune di San Martino in Rio è situato nella pianura a nord-est di Reggio Emilia.


Perché visitarla

Il territorio di San Martino in Rio era anticamente ricoperto da paludi e foreste. I primi documenti nei quali si nominano San Martino di Tours, il santo protettore, e il castello, risalgono alla prima metà del XI secolo. Nel 1115 il territorio, allora appartenente ai Canossa, fu infeudato alla nobile famiglia reggiana dei Roberti da Tripoli che ne mantenne il controllo fino al 1430, quando fu cacciata da Nicolò d'Este. Nella prima metà del XVI secolo San Martino in Rio subì le scorrerie di diversi eserciti e le guerre che ne seguirono portarono miserie e la peste. Nel 1768, dopo l'estinzione del Ducato Estense, il territorio fu assegnato a Paolo d'Aragona e successivamente ai francesi. Fece parte della provincia di Modena dal 1815 al 1859 e fu protagonista dei moti risorgimentali. 

Il Museo dell'Agricoltura e del Mondo Rurale, aperto nel 1968 e ristrutturato nel 1994, presenta una scelta dei più significativi reperti della cultura contadina ed artigiana della media pianura reggiana. Le diverse sezioni sono dedicate a: lavoro nei campi, coltivazione della canapa, produzione viticola, allevamento e presenza dell'animale, filatura e tessitura, produzione di cordame e di fruste, fabbricazione di scope, produzione e lavorazione del truciolo, molino ed arte molitoria, caseificio ed arte casearia, macellazione del suino, casa rurale.

Il Museo dell’Automobile, collezione privata che ospita, in un grande capannone, oltre quaranta automobili d'epoca ed esemplari di interesse storico.


Da non perdere

La Rocca Estense, dopo essere stato distrutta da Federico Barbarossa nel 1167, fu ricostruita con torri poderose. La struttura a pianta quadrangolare conserva intatta una sola torre angolare quadrata, con merlatura ghibellina e apparato difensivo piombante delle caditoie. Nell’interno, gli ambienti più rappresentativi sono costituiti dalla cappella di S. Giovanni di forme ogivali (XV secolo) e da alcune stanze (appartamento nobile) con cassettoni dipinti, affreschi e stucchi dei secoli XV-XVIII.

È ora sede delle attività culturali del Comune e ospita al suo interno il Museo dell'Agricoltura e del Mondo Rurale, la Pinacoteca Coppelli, la Biblioteca Civica, l'Archivio Storico e l'Archivio Aperto per Henghel Gualdi.


Appuntamenti di rilievo

Fiera di Maggio - ultima domenica di maggio
Spettacoli, animazione, luna park, mostre d'arte, concerti.

Pigiatura in Piasa - prima domenica di ottobre
Assaggi gratuiti delle migliori produzioni di vini di cantine locali, vendita di prodotti locali della nostra tradizione, apertura con visite guidate della Rocca Estense e del Museo dell'Agricoltura e del Mondo Rurale.

Festa ed San Martein - seconda domenica di novembre
Corteo storico, mercato enogastronomico, del contadino, di artigianato artistico, degli hobbies, mercato medievale.

Ultimo aggiornamento 15/10/2020
SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2020 - 2021 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio