La Riviera. Da Rimini a Cattolica

In collaborazione con Touring Club

Anziché lungo la statale 16 Adriatica, l’asse di raccordo più veloce tra i diversi centri rivieraschi, si suggerisce di compiere l’itinerario percorrendo la strada parallela alla costa, che attraversa le frazioni balneari a sud-est di Rimini, quindi Riccione e Misano. Il percorso, più variato, consente di valutare il macroscopico fenomeno dell’urbanizzazione costiera, che ha quasi completamente saldato tra loro i diversi centri.
  • Lunghezza
    18,8 km
  • Sito Archeologico di San Lorenzo in Strada Riccione (RN)

    Scavi archeologici nell’area della farmacia comunale N. 2, non lontano dalla chiesa di S. Lorenzo in Strada, hanno portato alla luce strutture appartenenti al periodo III secolo a.C.-VI secolo dopo Cristo.

  • Museo del Territorio «L.Ghirotti» Riccione (RN)

    Piccolo museo che si propone di illustrare la formazione e le trasformazioni naturali, ambientali e umane della valle del torrente Conca. Comprende una sezione geologico-naturalistica (evoluzione dell’ambiente fino al Quaternario, flora e fauna, tra cui la ricostruzione di un emischeletro fossile di bisonte) e una sezione archeologica, dalla preistoria (particolarmente interessanti i rinvenimenti dell’età del Bronzo) alla romanizzazione: documentazione sulla Via Flaminia; materiali da San Lorenzo in Strada, forse vicus Popilius, con ricostruzione di tombe della necropoli. Il progetto di ingrandimento porterà al trasferimento del museo nell’ex fornace Piva.

  • Il Bosco della Pioggia Riccione (RN)

    Nel piazzale Roma domina la fontana disegnata da Tonino Guerra, denominata Il Bosco della Pioggia, citazione della pesca e del mare, con sei grandi colonne di vetro naturale stratificato, che reggono sette reti da pesca da cui gocciola la pioggia, producendo un musicale ticchettio.

  • Acquario di Cattolica Cattolica (RN)

    Inaugurato nel 2000 all'interno di un ex edificio per colonie, il complesso delle Navi (su progetto di Clemente Busiri Vici, 1932) all’estremo limite di ponente, secondo acquario in Italia per dimensioni. Tra le specie presenti, squali, pinguini, caimani, lontre asiatiche, coralli, meduse e rettili come boa, pitoni e camaleonti.

  • Museo della Regina Cattolica (RN)

    Nel borgo antico l’ex ospedale dei Pellegrini, fondato nel 1584, ospita il Museo della Regina che raccoglie il materiale archeologico rinvenuto nella cittadina. Le collezioni, che annoverano anche sculture e ceramiche greche ed etrusche dono di privati, espongono reperti di età romana: una bella coppa in ceramica aretina a motivi vegetali e una collezione di vasi a pareti sottili (entrambe della prima età imperiale); cospicuo il gruppo di anfore di scavo subacqueo, provenienti da relitti di navi romane affondate doppiando il promontorio di Gabicce; lì fu anche ritrovato il cippo a Iuppiter Serenus, cioè portatore di tempo buono. A un villaggio dell’età del Bronzo sono riferiti i materiali rinvenuti nell’area VGS (centro Video Gioco Sport), mentre l’acquisto di una collezione di monete greche e romane ha permesso la formazione di una sezione numismatica. La Sezione marinaresca è dedicata alla cultura materiale della gente di mare, agli sviluppi della cantieristica navale, delle tecniche di navigazione e di pesca, con riproduzioni e originali di strumenti per costruire barche, reti e per la pesca. Accanto al Museo, la sconsacrata chiesetta di S. Croce, dalla facciata manieristica, è la sede della Galleria comunale, che ospita mostre temporanee di arte contemporanea.

Ultimo aggiornamento 11/11/2022
SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio