Corno alle Scale

Logo CC

Il massiccio del Corno alle Scale di Lizzano in Belvedere con i suoi 1945 metri d’altezza è la vetta più elevata dell’Appennino Bolognese posta all’estremo lembo meridionale della provincia di Bologna, al confine con Pistoia e Modena.


Perché visitarla

L’area è assai rinomata per la presenza di un’importante e attrezzata stazione sciistica - qui Alberto Tomba ha mosso i suoi primi passi sugli sci - e dell’omonimo parco regionale. Le sue balze rocciose rappresentano un ambiente naturale di rara bellezza e integrità, dove trovano rifugio preziose specie botaniche.


Quando andarci e cosa vedere

Il Corno alle Scale merita una visita in ogni stagione dell’anno: in inverno, per chi ama la velocità e il divertimento, ci sono le piste intitolare proprio ad Alberto Tomba, dove il campione bolognese torna spesso a sciare. Per chi invece volesse assaporare emozioni diverse ci sono numerosi tracciati per lo sci alpinismo ed un moderno snow park, dove cimentarsi in acrobatiche evoluzioni sulla tavola da neve.

In primavera, il territorio si trasforma in una palestra all’aria aperta dove praticare trekking e mountain bike. O semplicemente camminare lungo il crinale alla scoperta delle tante emergenze botaniche presenti e godere dello splendido panorama che si apre sugli Appennini e sulle Alpi Apuane.


Da non perdere

Fra le passeggiate di rilievo si consiglia una visita al Lago Scaffaiolo. Posto esattamente sul crinale è privo di immissari e di emissari e proprio per questo carico di mistero e di leggende una delle quale è stata citata anche dal Boccaccio.


Per tenersi in forma

Nella zona nel Corno alle Scale ovviamente lo sport principe è lo sci declinato in tutte le sue specialità: sci nordico, snowboard, fondo e sci alpinismo.

Durante il periodo estivo, assolutamente da provare sulla vetta del Monte Pizzo (km20) il Parco Avventura “Montepizzo”, il primo in Europa completamente senza barriere e, a Vidiciatico (km 15), la bella piscina "Conca del Sole" con scivolo di 50 metri, gayser, gonfiabili e beach volley.


Nei dintorni

Da non perdere, infine, il museo etnografico di Poggiolforato (km 12) dedicato ai mestieri e alla cultura montanara e i Centri visita del parco Corno alle scale di Pianaccio e di Madonna dell’Acero (km 3).

Ultimo aggiornamento 24/01/2020

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2019 - 2020 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio