Fontanellato

Logo CC

Fontanellato è il toponimo di Fontana lata ovvero grande fontana, in quanto il paese si colloca nella cosiddetta Bassa Parmense a 5 Km dalla via Emilia e tra i fiumi Taro e Stirone.


Perché visitarla

E' uno dei paesi più famosi della classica bassa padana, reso ricco dalla presenza della famiglia Sanvitale a partire dalla fine del 1300, che ne ha lasciato la traccia più evidente nella Rocca. 

Visitando Fontanellato si ha un assaggio della vita lenta e tranquilla della pianura, dei suoi luoghi d'arte e della sua squisita cucina. Nel 2004 le è stato conferito il riconoscimento di cittàslow, sulla base di indicatori come la qualità urbana, le infrastrutture, l’ospitalità, la valorizzazione delle produzioni tipiche e dell’enogastronomia. 

E’ sede dell’Associazione dei Castelli del Ducato e ha ricevuto inoltre il riconoscimento di Città d’Arte e Cultura e la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.


Quando andarci e cosa vedere

Fontanellato è stupenda in ogni periodo dell'anno, essendo anche un paese molto vivo ed animato. In autunno e in inverno si mostra addormentata nella nebbia, mentre in estate risplende dei colori della campagna e dei suoi numerosi eventi.

L’ambiente è quello tipico della pianura padana bassa, con le vaste coltivazioni estensive e i fontanili o risorgive, alimentati dalle acque sotterranee che scorrono a notevoli profondità coperte da uno strato impermeabile di terreno argilloso.

Tali sorgenti emergono in superficie portando acque limpide che creano particolari condizioni climatiche e alimentano diversi canali, tra cui il fossato che circonda la Rocca Sanvitale.
 


Da non perdere

Posta al centro della piazza principale, la Rocca è il simbolo di Fotanellato. L’imponente fortezza fu eretta nel XIV secolo su un preesistente edificio del XII secolo. Sottoposta a numerosi restauri, nel corso dei secoli è stata trasformata da fortezza difensiva a residenza dei nobili Conti Sanvitale, che l’hanno poi abitata per circa sei secoli. Aperta tutto l'anno, propone visite guidate alle sale arredate, alla splendida stanza di Diana e Atteone, affrescata dal Parmigianino e alla camera ottica.

Altri luoghi di rilievo sono il Santuario della Beata Vergine del Rosario, costruito nel 1514, che richiama tutto l'anno numerosi pellegrini; l'Oratorio dell'Assunta con la sagrestia lignea del 1720 opera di Giulio Seletti e le decorazioni di Sebastiano Galeotti; il Teatro Comunale, progettato personalmente da Alessandro Sanvitale ma demolito completamente nel 1832, la cui struttura attuale risale al XIX secolo e si basa sul progetto presentato nel 1858 dall’architetto Pier Luigi Montacchini; le ex scuderie Sanvitale; villa Gandini e il Parco botanico


Sulla tavola

Tra i salumi primeggiano culatello e spalla cotta, poi i tortelli d’erbetta, ravioli di verdura e ricotta conditi con abbondante parmigiano e burro fuso, anolini, trippa alla parmigiana, anatra e faraona arrosto, lepre in salmì, coniglio alla cacciatora, rane. Inoltre qui si produce un salume particolare, la Culaccia di Fontanellato.

Il turista interessato ad acquistare il parmigiano può rivolgersi direttamente ai caseifici che espongono la classica insegna della forma con la scritta vendita diretta.

La località è posta lungo la "Strada del Culatello di Zibello".


Per tenersi in forma

La bassa parmense è una terra ideale per chi desidera andare in bicicletta. Girare in paese o spostarsi attraversando vecchi casali e piccoli paesi della campagna, magari per raggiungere gli altri due castelli del territorio: San Secondo e Soragna. Un modo lento e rilassato per vedere i luoghi di origine di Verdi e di Guareschi, godendo delle eccellenze gastronomiche, tra Pievi e Castelli e il Grande Fiume.


Appuntamenti di rilievo

Mercatino dell'antiquariato ogni terza domenica del mese.
Rocca e natura, mercato del naturale e del biologico ogni quarta domenica del mese. 
Fuochi e suoni sull'acqua, spettacolo pirotecnico a suon di musica in rocca, ogni anno a giugno con tutto il paese in festa. 
Il Teatro Comunale ospita una stagione invernale di prosa e musica.


Nei dintorni

Vicinissimo al centro del paese si può visitare il Labirinto di Franco Maria Ricci, il labirinto più grande d'Europa che accoglie grandi e bambini in un percorso di oltre 3 km. Il Labirinto della Masone ospita anche un’importante collezione d’arte e organizza eventi nella sua bella corte. 


Uffici informazioni

IAT Fontanellato
Piazza Giacomo Matteotti 1 Fontanellato (PR)
fax: + 39 0521 824042 telefono: + 39 0521 829055 iat@fontanellato.org
Ultimo aggiornamento 12/11/2020

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2020 - 2021 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio