Ponte dell'Olio

Logo CC

Lungo la Strada Provinciale 654 di Val Nure, racchiuso fra il corso del Nure e del torrente Riglio,  il Territorio di Ponte dell’Olio è un’area collinare che culmina con la cima del Monte Santo, il picco più alto a 677 metri di altitudine. 


Perché visitarla

In passato fu un importante snodo commerciale tra la pianura padana e la Liguria. Qui arrivavano carovane di mercanti da entrambe le provenienze, che vendevano o scambiavano le loro merci: grani della pianura e le olive dalla Liguria (il nome rievoca proprio la presenza di magazzini per l’olio) e ritornavano poi nei loro territori. Nell'area erano attivi sia torchi per l’olio sia i mulini per il grano. Da qui partivano varie merci (grano, farina, olive, olio, miele, formaggio) per direzioni opposte, quella della pianura e quella della costa.

Oggi il paese basa la sua economia sull'allevamento, l’agricoltura, e il turismo ed è noto per la presenza di numerosi salumifici e cantine. La zona rientra nel percorso della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli Piacentini.


Quando andarci e cosa vedere

Ogni stagione è adatta a una visita o un soggiorno nel territorio Pontolliese, ovviamente il clima consiglia il periodo che va dalla primavera all'autunno, quando è più facile trascorrere il tempo camminando e scoprendo splendidi paesaggi, immersi nella pace delle dei boschi e delle colline ammantate di vigneti. Sono i mesi in cui si svolgono anche la maggior parte delle manifestazioni sportive e delle feste.

Da vedere: Il Borgo, con i suoi portici e abitazioni antiche, San Rocco, Villa San Bono (esterno).


Da non perdere

La chiesa di S. Giacomo con l’organo Sangalli del 1860, uno dei più prestigiosi della Valnure. 
La Fornace a tre torri, testimonianza della tradizionale produzione di laterizi sviluppata nella prima era industriale.


Sulla tavola

Salumi D.O.P. Piacentini (Ponte dell’Olio è particolarmente rinomato per la Pancetta) ma molto ricercati sono anche il Salame Cotto, che la tradizione vuole consumato soprattutto a Ferragosto, e il Cotechino.  E poi carni, selvaggina, funghi, formaggi locali, miele, prodotti bio. Fra i primi piatti fanno la parte del leone i tradizionali tortelli, ma sono molto apprezzati panzerotti al forno, pisarei e fasö, anolini, ravioli con diversi condimenti.

Da non dimenticare i rinomati vini bianchi e rossi delle cantine locali.


Per tenersi in forma

Percorsi ciclopedonali collegano Ponte dell’Olio a Vigolzone, Podenzano, San Giorgio e Carpaneto (Itinerari naturalistici) e numerosi sentieri, facili da percorrere a piedi, si inoltrano nelle vallette laterali

“In mountain bike nel Comune di Ponte dell’Olio”, gli appassionati apprezzeranno i tre percorsi con cartografia scaricabile e traccia GPS

Dal territorio di Ponte dell’Olio, inoltre, comincia quello che è oggi “il più grande comprensorio dedicato agli sport outdoor” che vanta 560 km di sentieri (da percorrere a piedi, a cavallo o in mountain bike) tracciati nei territori di Ponte dell’Olio, Bettola, Farini e Ferriere.


Appuntamenti di rilievo

La Fiera della Pancetta Piacentina D.O.P. a maggio
La Fiera di San Rocco: 15 e 16 agosto

I Sapori del Borgo (a novembre), fiera a carattere agroalimentare, con bancarelle di prodotti tipici locali e non.

In estate e autunno la collina pontolliese si anima con feste e sagre che allietano soprattutto le serate, fra musica tradizionale, danze e gastronomia.


Nei dintorni

Numerosi castelli a volte molto trasformati e visibili solo dall’esterno, e antichi borghi (quasi tutti di fondazione romana), segnano il paesaggio pontolliese.

I più conosciuti sono il borgo medievale di Riva con il suo il Castello. Torrano, Zaffignano, Cassano, il castello di Folignano, oggi sede di agriturismo,  Montesanto celebre punto panoramico, Castione.


Uffici informazioni

IAT Grazzano Visconti - Val Nure e Val Chero - Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica
Viale del Castello 2 Vigolzone (PC)
telefono: + 39 0523 870997 iat@valnure.info
Ultimo aggiornamento 25/09/2020

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio