Logo CC

Il territorio di Farini si estende sui due versanti del fiume Nure, lungo la SP 654 che collega Farini alla pianura e prosegue per Ferriere e da qui verso la Liguria. Altre strade conducono verso Bedonia, nel territorio di Parma, o verso la Val Trebbia.


Perché visitarla

Farini è un paese di origine recente, mentre villaggi, chiese, castelli e torri che popolano il paesaggio – completamente montano - sono per la maggior parte di origine medievale, posti a dominio del territorio e delle antiche vie, e perenne ricordo di una storia legata soprattutto alla Famiglia dei Nicelli.

Il territorio vide sicuramente la presenza di genti già dal mesolitico. In epoca longobarda i monaci di San Colombano di Bobbio furono presenti e aprirono un percorso di pellegrinaggio verso Roma, conosciuto come "Via degli abati" o Via Francigena di Montagna.

Oggi il farinese è ancora profondamente legato all’agricoltura e al turismo. La villeggiatura qui ha radici antiche, propiziata dal grande fascino paesaggistico della montagna.


Quando andarci e cosa vedere

In ogni stagione la montagna ha il suo fascino! Particolarmente vivace è il periodo estivo, quando nelle frazioni si svolgono feste, fiere e sagre, soprattutto a sfondo enogastronomico.


Da non perdere

Farini è un paese moderno, elemento interessante è la Chiesa Parrocchiale di San Giuseppe, edificio del secolo scorso che conserva opere del pittore Luciano Richetti. La suggestiva area dei Sassi Neri, un bacino d’acqua all’interno del fiume stesso, dominato da tre sassoni, luogo ideale per bagni estivi, feste, concerti.


Sulla tavola

Ai piatti tipici e salumi D.O.P. del territorio piacentino si aggiungono piatti a base di funghi e selvaggina e prodotti prettamente locali.

La Mariola un salame (presidio Slow Food) ottenuto dalle parti nobili del maiale, che deve stagionare per 6-10 mesi. La lunga stagionatura è ciò che conferisce al salume il caratteristico profumo e il sapore intenso, ma rende la Mariola un prodotto troppo laborioso e quindi difficile da produrre e trovare.

Ma sono soprattutto le gustose patate di Mareto (alle quali sono dedicate feste e fiere), prodotto De.Co del comune di Farini, ad arricchire la tavola con i numerosi piatti che se ne ricavano: dagli Gnocchi di Patate De.Co., da condire soprattutto con il sugo di funghi - ma non si disdegna il ragù anche di selvaggina - alla Polenta con le Patate De.Co, un piatto contadino davvero antico, al Pane di Patate De.Co. Ancora più celebre è la Torta di Patate De.Co, una ricetta nata per utilizzare le patate rovinate durante la raccolta e oggi richiestissima.


Per tenersi in forma

Il territorio farinese è attraversato da Sentieri del Cai di diversa difficoltà, rientra inoltre nel Comprensorio dell’Alta Val Nure (insieme a Ponte dell’Olio, Bettola e Ferriere), “il più grande comprensorio dedicato agli sport outdoor”, con percorsi trekking, tracciati adatti alla mountainbike, sentieri percorribili a cavallo  (Il farinese  è percorso anche dall’ippovia della "Via degli abati"). Ogni percorso permette di ammirare una natura quasi incontaminata e di godere di meravigliose vedute dalle cime di monti che spesso superano i 1.100 metri.


Appuntamenti di rilievo

A Maggio a Farini la Fiera dedicata al Cavallo Bardigiano
A Giugno/luglio  il Bisturi d’Oro a Mareto
A Luglio a Farini la serata di cucina internazionale dedicata a Georges Cogny, celebre chef di origine francese, diventato farinese per amore, che proponeva nel suo ristorante una cucina semplice e legata alla tradizione locale, senza dimenticare la nouvelle cuisine francese

L’estate e l’autunno delle frazioni sono animati da feste a carattere enogastronomico e da serate musicali.


Nei dintorni

Suggestive vallette laterali tracciate dai Torrenti (Lobbia, Lavaiana, Perino), monti ammantati di boschi e pinete, piccoli villaggi dove rimangono oratori, chiese, resti di torri, e ricordi di vita contadina:
Groppallo con la chiesa di Santa Maria Assunta a 1000 metri di altitudine
Cogno S. Savino e la Torre di Sant’Antonino recentemente restaurata, Pradovera, Mareto, Cogno S. Bassano, il borgo rurale di Predalbora, Montereggio per citarne solo alcuni.


Uffici informazioni

IAT Grazzano Visconti - Val Nure e Val Chero - Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica
Viale del Castello 2 Vigolzone (PC)
telefono: + 39 0523 870997 iat@valnure.info
Ultimo aggiornamento 31/07/2020

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio