Parco Fluviale Regionale del Taro

A pochi km dal centro storico di Parma, si estende un’area molto importante dal punto di vista naturalistico, conosciuto anche con il nome di Parco degli Uccelli

Logo CC

Tra gli abitati di Fornovo e Ponte Taro, in provincia di Parma, c’è una piccola oasi naturale che segue il percorso del fiume Taro per oltre 20 km.

Facilmente raggiungibile in auto, in bicicletta o in bus, è un’ottima meta da scoprire se si è amanti di un turismo verde e si è alla ricerca di un po’ di tranquillità rispetto alla vita frenetica delle città della via Emilia.

L’ambiente e i paesaggi

L’intero ecosistema del Parco è dettato dal regime torrentizio del fiume che, a causa del suo flusso continuo e irregolare, trasforma il paesaggio circostante al variare delle stagioni.

Cespuglieti di salici, arbusteti, grandi praterie, aree boscate e coltivate definiscono i caratteri della flora dell’intera area nella quale sono state riconosciute ben 800 specie suddivise in 100 famiglie botaniche differenti.

Ma è soprattutto dal punto di vista faunistico che il parco riveste una grande importanza. Ogni anno oltre 250 specie di uccelli - come la Garzetta, la Nitticora, la Sterna comune, l’Occhione e il Topino - si fermano in questo piccolo “polmone verde” a nidificare mentre numerosi mammiferi lo attraversano per raggiungere gli Appennini o la pianura circostante. Proprio per questo, tutta l’area è considerata Zona di Protezione Speciale (ZPS) e rientra tra i Siti di Importanza Europea della Rete Natura 2000.

Cosa Fare

Lungo i 20 km del fiume, su entrambe le rive, si snodano dieci sentieri attrezzati e ben serviti che favoriscono la visita all’area del Parco: un ambiente ideale per facili escursioni, percorsi di cicloturismo e mountain bike, ma anche solo per praticare delle sessioni di birdwatching. 

Info

Ultimo aggiornamento 14/07/2020
SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2019 - 2020 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio