Tra ponti storici e colori d'autunno nell'Appennino Modenese

Logo CC

I ponti rappresentano da sempre luoghi dal fascino senza tempo. La loro importanza nel passato, per aprire nuove vie di comunicazione e commercio, ha dato origine a miti e leggende che resistono ancora oggi.
Visitarli in autunno, quando le foglie degli alberi assumono le calde e variopinte tinte tipiche della stagione, li rende ancora più spettacolari.

Questo itinerario nell’Appennino Modenese conduce a scoprire i vari ponti che sorgono lungo il fiume Scoltenna per terminare con un trekking non impegnativo che porta fino al Ponte d’Ercole, in mezzo al bosco.

  • Durata
    24 ore
  • Interessi
    Arte & Cultura
  • Target
    Famiglia,Amici/Solo
  • Prima tappa - Ponte della Fola Pievepelago

    Partiamo da Pievepelago dove incontriamo il Ponte della Fola, un capolavoro ingegneristico risalente al Medioevo, l’unico ponte di pietra a due arcate presente in tutta l’Emilia.
    Vedendolo dal basso sembra che il ponte sia sospeso, immerso nel fitto verde della vegetazione. 

    Ai suoi piedi giacciono grossi massi, tracce di precedenti frane e detriti che la potenza del fiume Scoltenna ha trascinato a fondo valle. Il sentiero che lo attraversa fa parte del cammino di San Bartolomeo, sentiero che collega i luoghi dedicati al culto del santo tra l’Emilia e la vicina Toscana. 

    Ma cosa vuol dire “fola”? Vi sono varie interpretazioni: potrebbe derivare dai termini favola, leggenda e potrebbe quindi fare riferimento ai racconti che pastori e viandanti si tramandavano incontrandosi nei pressi di questo suggestivo luogo.

  • Seconda tappa - Ponte della Luna Riolunato

    Procedendo poi in prossimità di Riolunato merita sicuramente una visita il Ponte della Luna. L’attuale ponte risale ad una ricostruzione avvenuta a seguito di una disastrosa frana che nel 1786 ha distrutto quello più antico. 

    Sui due fianchi del ponte compaiono delle mensole in pietra, che in origine andavano a sostenere a sbalzo il muretto di parapetto, in modo da sfruttare quasi tutta la larghezza della volta per la sede stradale.

  • Terza tappa - Ponte di Olina Pavullo nel Frignano

    Ci spostiamo poi nello storico borgo di Olina, frazione di Pavullo nel Frignano, dove troviamo una struttura architettonica unica ed incredibile, dall’altezza vertiginosa: il Ponte di Olina

    La costruzione del ponte risale al 1522 e fu voluto direttamente dai Montecuccoli e dal podestà di Sestola, ma in realtà ne fu spinta la costruzione anche da parte dei signori di Firenze e Lucca, per fare del Frignano un "ponte" tra la Toscana e l'Emilia. 

    Come la maggior parte dei luoghi particolari dell’Appennino Modenese, anche questo ha una sua leggenda. La storia popolare è ambientata all'inizio del XV secolo e narra che chiunque si trovi a passare sul ponte in una notte tempestosa e buia, ode una voce strozzata ed affannosa che chiede aiuto, come se qualcuno fosse stato gettato giù da quel ponte.

  • Quarta tappa - Ponte di Olina Lama Mocogno

    Infine, prosegue l’itinerario in direzione del Ponte d’Ercole, che dista 15 minuti in macchina dal Ponte di Olina.

    La macchina può essere lasciata al parcheggio in via Ponte d’Ercole, seguendo le indicazioni che si trovano prima di arrivare a Lama Mocogno, e da lì parte l’itinerario seguendo la segnaletica CAI bianca e rossa. Un sentiero semplice adatto a tutti, della durata di 30-40 minuti.

    Nel punto di incontro tra i comuni di Lama Mocogno, Polinago e Pavullo nel Frignano è situato un caratteristico monolite naturale detto Ponte d’Ercole.
    Si tratta di un ponte naturale, alto 3 metri e lungo 33, che congiunge i lati di un avvallamento. Un’unica roccia arenaria immersa in una fitta vegetazione e modellata a forma di arco dall’erosione e dagli agenti atmosferici.

    Al ponte, detto anche Ponte del Diavolo, l'immaginazione popolare ha da sempre dato spiegazioni magiche. Nel sito sono stati rinvenuti insediamenti e necropoli del periodo romano.

Ultimo aggiornamento 18/11/2021

Per maggiori informazioni

Redazione Appennino Modenese

UFFICI INFORMAZIONI

Pro Loco Pievepelago
Piazza Vittorio Veneto 17 Pievepelago (MO)
telefono: + 39 0536 71304 info@comune.pievepelago.it
Ufficio Informazione Turistica di Pavullo nel Frignano
Via Giardini 3 Pavullo nel Frignano (MO)
telefono: + 39 0536 29964 fax: + 39 0536 29025 uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it
UIT Lama Mocogno
Via XXIV Maggio 4 Lama Mocogno (MO)
telefono: + 39 0536 344390 turismo@comune.lamamocogno.mo.it

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio