Tre giorni nella natura dei Parchi romagnoli

Logo CC

Un itinerario alla scoperta della Romagna più incontaminata, passando attraverso i suoi quattro Parchi naturali, capaci di stupire per la loro straordinaria vitalità e per i suoni e i colori che si possono apprezzare al loro interno.

  • Durata
    72 ore
  • Interessi
    Natura & Outdoor
  • Target
    Amici/Solo,Coppia
  • Prima tappa - Parco del Delta del Po Comacchio

    Partenza dal Parco del Delta del Po, una delle zone umide più importanti d’Europa, la più vasta d’Italia; racchiude elementi di biodiversità che la rendono un vero e proprio paradiso per naturalisti, biologi, turisti e birdwatchers.
    Da Goro a nord a Cervia a sud, passando per i meravigliosi scenari di Comacchio e delle sue Valli, dell’Ecomuseo di Argenta, delle Pinete di Classe e San Vitale e delle Pialasse di Ravenna. Un ambiente di elevatissimo interesse naturalistico e paesaggistico, che è possibile scoprire a piedi, in bicicletta, in motonave e a cavallo.

  • Seconda tappa - Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola Riolo Terme

    La seconda tappa è dedicata al Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, che si estende dalla valle del Sillaro sino a Brisighella, nella valle del Lamone. Si tratta del più lungo e maestoso rilievo gessoso d'Italia. Doline, valli cieche e numerosissime grotte caratterizzano l’area. Segnaliamo in particolare il Parco del Carnè, con il suo paesaggio tipicamente carsico, di grande interesse naturalistico, che in primavera vede il susseguirsi di splendide fioriture di specie protette quali il dente di cane e le orchidee. 

  • Terza tappa - Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna Santa Sofia

    Boschi secolari, mistici santuari, cascate e faggete Patrimonio Mondiale dell’Umanità sono gli ambienti che caratterizzano la terza tappa, che vede protagonista il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Un luogo di straordinaria suggestione, oltre che di grande ricchezza e varietà faunistica, con foreste millenarie impregnate di storia, ricche di boschi misti che ricoprono quasi tutto il territorio del Parco. Foreste affascinanti anche per i colori che in autunno esplodono in suggestive macchie ambrate e rossastre, per un foliage più unico che raro.

  • Quarta tappa - Grotte di Onferno Gemmano

    La chiusura di questo percorso è rappresentata dapprima alla scoperta delle Grotte di Onferno, fonte di ispirazione dantesca; si tratta di un complesso carsico di notevole valore, del quale è possibile apprezzare particolarità e paesaggi percorrendo i diversi sentieri che lo attraversano. 
    Veri padroni di casa gli oltre seimila pipistrelli che popolano gli ambienti sotterranei. 
    Pochi chilometri e si arriva al Parco Interregionale del Sasso Simone e Simoncello, che offre tantissimi percorsi immersi nel verde e itinerari di trekking per tutti i gusti. Da non perdere la visita alla cerreta, una delle più vaste d’Europa.

Ultimo aggiornamento 07/11/2022

Per maggiori informazioni

Redazione DT Romagna

UFFICI INFORMAZIONI

Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica - Comacchio
Via Agatopisto Comacchio (FE)
telefono: + 39 0533 314154 comacchio.iat@comune.comacchio.fe.it
IAT Riolo Terme
Corso Giacomo Matteotti 40 Riolo Terme (RA)
telefono: + 39 0546 71044 iat.rioloterme@imolafaenza.it
Associazione Pro Loco di Santa Sofia
Via Nefetti 3/G Santa Sofia (FC)
telefono: +39 376 0352590 prolocossofia@gmail.com
UIT Gemmano
Provinciale Oferno 107 Gemmano (RN)
telefono: + 39 0541 984694 fax: + 39 0541 984694 gemmanoproloco@gmail.com Apertura: Stagionale

Potrebbe interessarti...

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2022 Regione Emilia-Romagna | Assessorato Turismo e Commercio